GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 263 visitatori e nessun utente online

 

 

 

ORA VENI LU PICURARU



 

L'intera partitura per pianoforte, fisarmonica, basso e con accordi per la chitarra fa parte libro "LE PIU' BELLE CANZONI NATALIZIE E NINNE NANNE SICILIANE"
In questo libro sono raccolte le partiture ed i testi delle seguenti canzoni siciliane 

A LA NOTTI DI NATALI

ACQUA NIVI E VENTU FORTI  

BAMMINEDDU PICCILIDDU

CH'E' DUCI STU FIGGHIU  

CUGGHIEMU ROSI E PAMPINI  

DIU VI MANNA L'AMBASCIATA

DORMI GESUZZU

FILASTROCCA A LU BAMMINU

LA CIARAMEDDA

LA SACRA SANTA NOTTI DI NATALI

LLORIA LLORIA A DIU

LU BANNU DI CESARI  

NASCIU NAUTRU SULI  

NI LA NOTTI TRIUNFANTI 

NINU NINU LU PICURARU 

ORA VENI LU PICURARU

PALUMMEDDA IANCA IANCA 

QUANNU DIU S'AVIA 'NCARNARI 

SUTTA 'NPEDI

LE NINNE NANNE SICILIANE

A SIMINZINA

AVO'

CU TI L'HA FATTU STU SCIALLINU OHINE'

FIGGHIU BEDDU

LA NACA DI GESU' BAMMINU

NANNA NINNA

NINNA NANNA (La Perna)

NINNA NANNA DI LA GUERRA

SANT'ANTUNINU

SANT'ANTUNINU CALATI CALATI

TERRA CA NUN SENTI

 Nello stesso libro vi sono dei saggi su:
 LE FONTI DEL CANTO POPOLARE  - IL CANTO SICILIANO E LA STRUTTURA POETICA - LA STRUTTURA MUSICALE DELLA CANZONE POPOLARE -
 GLI STRUMENTI MUSICALI E LA DANZA

Il libro può essere ordinato scrivendo email a Nicolò La Perna Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   cell: 3393269071 costo €: 7,00

ORA VENI LU PICURARU
(tradizionale religiosa)
Nun durmiti chiù pastura,
già che è natu lu Missia
Bettilemme e li fridduri
nascì in brazza di Maria
La ninna oh la ninna oh
dormi Gesù e fai la vo vo.
Ora veni lu picuraru,
e nun havi chi ci purtari,
porta latti ‘ntra la cisca,

cascavaddu e tuma frisca.
La ninna oh la ninna oh

dormi Gesù e fai la vo vo.
Ora veni lu cacciaturi
e nun havi chi ci purtari
porta lepri e un cunigghiu,
pi la matri e pi lu figghiu.
La ninna oh la ninna
oh dormi Gesù e fai la vo vo.
Ora veni lu jardinaru
e nun havi chi ci purtari
ci purtau du aranciteddi,
pi jucari lu picciriddu.
La ninna oh la ninna oh
dormi Gesù e fai la vo vo.
Ora veni la viddanedra
e nun havi chi ci purtari
ha scinnutu di li muntagni,
porta mennuli e castagni.
La ninna oh la ninna oh
dormi Gesù e fai la vo vo.
Nun durmiti chiù pastura,
già che è natu lu Missia
Bettilemme e li fridduri
nasci in brazza di Maria.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                               

ORA VIENE IL PECORAIO

Non dormite più pastori,
già che è nato il Messia,

a Betlemme con tempo freddoloso
è nato nelle braccia di Maria.
La ninna oh la ninna oh
dormi Gesù e fai la vo vò.
Ora viene il pecoraio
e non ha cosa portargli,
porta latte nel pentolino di rame,
caciocavallo e formaggio fresco.
La ninna oh la ninna
oh dormi Gesù e fai la vo vò.
Ora viene il cacciatore
e non ha cosa portargli,
porta una lepre ed un coniglio
per la madre e per il figlio.
La ninna oh la ninna
oh dormi Gesù e fai la vo vò.
Ora viene il giardiniere
e non ha cosa portargli,
ci ha portato due arance,
per far giocare il bambino.
La ninna oh la ninna
oh dormi Gesù e fai la vo vò.
Ora viene la villanella
e non ha cosa portargli,
è discesa dalle montagne,
porta mandorle e castagne.
La ninna oh la ninna oh
dormi Gesù e fai la vo vò.
Non dormite più pastori,
già che è nato il Messia,
a Betlemme con tempo freddoloso
nasce nelle braccia di Maria.

 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 

La versione del Favara nel suo “Corpus” così recita: “Ora veni lu picuraru e nun ha chi ci purtari / porta latti e nti la cisca / cascavaddu e tuma frisca.  Arrivisciti o matri mia, ca nui semu a la campìa.
E ninna ahò, e ninna ahò e lu mè figghiu dormiri vò”.

      Bellissima ed antica canzone natalizia tutt’ora cantata nelle sere natalizie o davanti alle icone natalizie (fiureddi). Ciò che la gente povera possiede viene portato al Bambinello, formaggio fresco e caciocavallo, due arance, mandorle e castagne. La canzone è pregna dell’atmosfera natalizia, di dolcezza, di bontà, serenità e gioia.  vedi copia del Pitrè a pag. 353 al n. 987 ed è presente nella raccolta di Francesco Paolo Frontini “Natale Siciliano, 1904, De Marchi al n: 4 col nome “Pastorale”

ASCOLTA LA CANZONE  video