GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 227 visitatori e nessun utente online

 

CANTI DI CARCERE

Rosa Balistreri 

 

AMICI AMICI
CHI ‘N PALERMU JTI
(tradizionale)
Amici amici chi ‘n Palermu jti
ah! mi salutati dda bedda citati,
ah!mi salutati li frati e l’amici
puru ddà vicchiaredda
di me matri.
Mannaia! di to mà, ngalera sugnu
ah senza fari un milèsimu di dannu
quannu arristaru a mia
era ‘nnucenti.
ah era lu jornu di tutti li santi
tutti li amici me' nfami e carogna
ah chiddu ca si mangiàu la castagna(1)
Tutti li amici me' cuntenti foru
ah quannu ncarzareteddu
mi purtaru
Judici ca la liggi studiati
nun sapiti lu ‘nfernu unni si trova,
va jiti nni li vecchi carzarati
ca iddi vi nni ponnu dari nova;
truvati deci giuvani assittati
dda n’mezzu
c’è lu mastru di la scola
Nun sugnu mortu no, su' viv'ancora,
ogghiu cci nn'è nta la lampa
e ancora adduma
Appena veni Peppi Cusimanu
ah! li cunti n'amu a fari a tavulinu
AMICI, AMICI CHE A PALERMO ANDATE

Amici, amici, che a Palermo andate
salutatemi quella bella cittadina,
salutatemi i fratelli e gli amici
ed anche quella vecchietta
di mia madre.
Mannaggia di tua madre, in galera sono
ah! senza fare un millesimo di danno
ah! quanto mi hanno arrestato,
io ero innocente.
Ah! era il giorno di ognissanti
ah! tutti i miei amici,
infami e carogna
ah! maledetto il delatore
ah! tutti i miei amici son rimasti contenti
ah! quando in carcere
mi portarono

Giudici, che la legge studiate
non sapete l’inferno dove si trova,
andate dai vecchi carcerati
che loro possono darvi notizie;
troverete dieci giovani seduti
là in mezzo
c’è il professore della scuola
Non sono morto no!
sono ancora vivo,
olio ce n’è in questa lampada
ed ancora accende
Appena viene Peppe Cusimano
ah! i conti dobbiamo fare a tavolino



Canti di carcere. Questi canti sono un miscuglio di vari canti di Rosa Balistreri dedicati ai carcerati.
Rosa stessa ebbe la sfortuna di finire in carcere, dapprima a Licata per aver tentato di uccidere in un momento di odio e di rabbia il marito ubriacone, giocatore sfaccendato che aveva persino giocato il corredino di sua figlia e a Palermo per aver rubato in casa di un nobile signore, raggirata e spinta da un giovane signorotto appartenente a quella famiglia.
Alcuni canti li imparò direttamente dalla viva voce delle altre carcerate, molti invece li apprese dal libro "Corpus di musiche popolari siciliane" di A. Favara, altre parole li prese dal Vigo, dal Pitrè, dal Mastrighi e dal Salamone Marino
Interessante il modo accorato come Rosa Balistreri interpreta questi canti, li sente suoi, li ha vissuti in prima persona e trasmette questo accorato appello alla libertà a tutti gli ascoltatori.
Questi canti sono stati cantati da Rosa Balistreri nel disco vinile: "Noi siamo nell'inferno carcerati" (1974, Cetra Folk)
Da riferire come questa registrazione è stata fatta in casa di Felice Liotti, grande amico della cantante folk licatese, ed è grazie a lui che li ha conservati per tanti anni che oggi li possiamo condividere con tutti gli amici