GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 61 visitatori e nessun utente online

 

LAMENTU DI UN SERVU AD UN SANTU CRUCIFISSU

Rosa Balistreri

 

LAMENTU DI UN SERVU AD UN SANTU CRUCIFISSU
(tradizionale) (Malarazza)
Un servu tempu fa ni chista piazza,
accussì priava a Cristu: ci dicia:
Signuri, lu me patruni mi strapazza;
mi tratta comu un cane pi la via,
si mi lamentu,
chiù peju m’amminazza,
cu ferru e cu catini ‘mprigunia;
tuttu si piglia cu la so manazza,
la vita mia, dici, che mancu è di mia.
Undi vi preiu a chista malarrazza
distruggila vui, Cristu, pi mia.
E Cristu c’arrispunni
E tu chi l’hai ciunchi li vrazza,
oppuri l’hai inchiuvati coma a mmia,
cu voli la giustizia, si la fazza,
e nun spirari chi autru la faza pi tia.
Si tu si omu e un si testa pazza
metti a prufittu sta sintinza mia.
Ia nun saria supra sta cruciazza
si avissi fattu quantu dicu a tia,
si, si avissi fattu quantu dicu a tia.
Chi inchiuvatu in cruci un saria
s’avessi fattu quel chi dicu a tia.                   
LAMENTO DI UN SERVO AD UN SANTO CROCIFISSO
Un servo, tempo fa, in questa piazza,
così pregava Cristo: gli diceva:
Signore, il mio padrone mi strapazza; (1)
mi tratta come un cane per la strada,
se mi lamento,
è peggio, mi minaccia,
con ferri e catene mi tiene in prigione;
tutto si prende con le sue manacce,
la stessa vita mia, dice, che nemmeno è mia.
Perciò vi prego: questa malarazza
distruggetela voi, Cristo, per me.
E Cristo gli rispose:
E tu, forse hai rattrappite le braccia,
oppure le hai inchiodate come me,
chi vuole giustizia se la faccia,
e non sperare che un altro la faccia per te.
Se tu sei un uomo e non sei testa pazza
pprofitta di questa sentenza mia.
Io non sarei sopra questa brutta croce
se avessi fatto quanto dico a te,
si, se avessi fatto quanto dico a te.
Perché inchiodato in croce non sarei
se avessi fatto quel che dico a te.
1) mi fa angherie



 

 

 

In questo antico canto siciliano un servo si rivolge a Cristo, dicendogli di essere maltrattato dal padrone, gli chiede di sterminare questa “malarazza”; Cristo dalla croce gli risponde che il servo non ha i chiodi alle mani e ai piedi come lui e quindi è libero di farsi giustizia da se.
Il testo di questa canzone sotto il titolo “Nu servu e nu Cristu” fu pubblicato da Lionardo Vigo nel 1857. Le autorità di allora scandalizzate fecero ritirare tutte le copie dell’opera con la causale che la canzone invitava alla violenza. In seguito lo stesso Vigo, per permettere la pubblicazione del suo libro, “Raccolta di canti siciliani” cambiò la risposta di Cristo con un’altra più rassegnata e meno rivoluzionaria e l’opera fu ripubblicata con i seguenti versi: Rispusta di lu Cristu: ”E tu chi ti scurdasti, o testa pazza, / chiddu ch’è scrittu ‘nta la liggi mia? Sempri in guerra sarà l’umana razza / si cu l’offisi l’offisi castija! A cu l’offenni, lu vasa e l’abbrazza / e in Paradisu sidirai ccu mia: m’inchiuvaru l’ebrei ‘nta sta cruciazza: / e Cielu e Terra disfari putia!” Diversi cantanti, tra cui Modugno, e
molti gruppi musicali hanno interpretato questa canzone con l’aggiunta: “Tu ti lamenti, ma chi ti lamenti, / pigghia lu vastuni e tira fora li denti”. La risposta di Cristo nella prima versione è veramente rivoluzionaria, lontana dai dettami evangelici di porgere l’altra guancia, mentre nella seconda versione, per motivi di censura, viene annacquata e risulta più accetta ai governanti di allora.
da Canti Siciliani, 1857 Vigo Al n. 3419, 3420
questa registrazione mi è stata donata da Dino Vaccaro

Nicolò La Perna
https://www.youtube.com/watch?v=uYCb3b9_UIM
altra interpretazione di Rosa Balistreri
https://www.youtube.com/watch?v=XCKi_6GRh5I
Domenico Modugno
https://www.youtube.com/watch?v=jYsJf_zB4H0
Lautari e Carmen Consoli
https://www.youtube.com/watch?v=IbtlXOSfTfw
Simone Cristicchi eEugenio Bennato
https://www.youtube.com/watch?v=F8bidlYpYHU
Roy Paci
https://www.youtube.com/watch?v=e8M-bIz1kDI
Zabharà
https://www.youtube.com/watch?v=kVf-fzmBqQo
Mimmo Cavallaro
https://www.youtube.com/watch?v=HsbZ0LBXmy0
Ginevra Di Marco
https://www.youtube.com/watch?v=7GpvefQol0o
Mattanza
https://www.youtube.com/watch?v=-t0ki_uoOF8
Peppe Voltarelli