GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 150 visitatori e nessun utente online

 

SANT'AGATA CH'E' AUTU LU SULI

Cinzia Sciuto

 




SANT’AGATA, CH’È ÀUTU LU SULI!
(tradizionale)
Sant’Agata, ch’è àutu lu suli!
fallu pi carità, fallu calari.
Tu non lu fari no pi lu patruni,
ma fallu pi li pòviri
jurnatari.
Sìdici uri stari
a l’abbuccuni,
li rini si li màngianu li cani;
Iddu si vivi vinu a l’ammucciuni,
a nui ‘nni duna l’acqua di vadduni
unni si tennu a moddu li liani.              


SANT’AGATA COM’E’ ALTO IL SOLE

Sant’Agata com’è alto il sole!
fallo per carità, fallo tramontare.
Tu non lo fare no, per il padrone,
ma fallo per i poveri
lavoratori a giornata.
Stare sedici ore chinati
con la schiena curva,
da far soffrire lombalgie acute;
Egli (1) beve vino di nascosto,
e a noi dà l’acqua ristagnata
dove si tengono a mollo gli arbusti (2)
1) il padrone  2) per fare le corde
 




Rosa Balistreri nei suoi canti è sempre dalla parte dei lavoratori. La sua storia personale di miseria e di povertà, la sua esperienza politica nel partito comunista la portano a scegliere canzoni di protesta, nelle quali forte si connota il contrasto tra il contadino costretto a spalle curve a dissodare la terra sotto il sole cocente della Sicilia e il padrone che si arricchisce con il lavoro dei contadini e che beve vino mentre lascia l’acqua ristagnata nelle pozze per dissetare i lavoratori. Il grido di protesta è forte e deciso, come forte e decisa è la voce della cantante.
Strutturalmente la canzone è formata da endecasillabi con accento sulla 6 e decima
sillaba. La musica ha un ritmo di ¾, valzer lento, con tonalità di La minore.
Nicolò La Perna