GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 115 visitatori e nessun utente online

 

NICUZZA 

 

E’ una delle più belle canzoni siciliane scritta e musicata da Franco Finestrella e dedicata alla moglie Alfonsa Castelli ed è un inno all’amore, alla fedeltà. La canzone in poco tempo è diventata famosa per l’interpretazione che ne hanno fatto «I Tinturia» con Lello Analfino. Bellissima anche l'interpretazione di Mara Eli che con la sua voce, nitida, squillante fa sognare. Pura poesia la prima strofa nella quale l’autore fa il paragone della bellezza dei garofani sbocciati dopo cinque mesi dalla semina nel vaso sotto la finestra dell’amata con
il faccino dell’innamorata. Nella canzone c’è dolcezza, amore, sofferenza, fedeltà; tutti sentimenti che hanno fatto presa sugli ascoltatori e che ne hanno decretato il successo in Sicilia ed in tutto il mondo grazie ai nostri emigrati che portano nelle terre lontane i suoni e le radici della terra siciliana. Lo spartito originale di Franco Finistrella è in Sol minore; questa versione è in rem. Il verso nelle strofe è un settenario con accenti sulle sillabe 1-4-6. Tonalità in Re minore nelle strofe che cambia in Re Maggiore nel ritornello.

 

 

L'intera partitura per pianoforte, fisarmonica, basso e con accordi per la chitarra fa parte del 1° dei libri "LE PIU' BELLE CANZONI SICILIANE"
In questo libro sono raccolte le partiture ed i testi delle seguenti canzoni siciliane 

VITTI NA CROZZA - CIURI CIURI - LA LUNA NMEZZU U MARI - SI MARITAU ROSA - 
U SCICCAREDDU - NICUZZA - COMU L’UNNA - LA ME ZITA (QUANTA È LARIA LA ME ZITA) - 
COMU SI LI CUGGHIERU LI BEDDI PIRA - LU ‘NGUI, ‘NGUA, MI VOTU E MI RIVOTU, 
A SIMINZINA, CU TI LU DISSI, 
ABBALLATI, ABBALLATI, E VUI DURMITI ANCORA, 
LA VINNIGNA, 
A CURUNA, A VIRRINEDDA, VITTI NA VEDDA – LU BASILICO’ 
TU SI BEDDA AH! CUMMARI NINA, AH! CUMMARI VICENZA, ACIDDUZZU DI ME CUMMARI, 
LA PAMPINA DI L’ALIVU, 
 AVO’, FILASTROCCHE SICILIANE (Chiovi, chiovi, Mani manuzzi, Dumani è duminica, 
LU FOCU DI LA PAGLIA, SANT’AGATA CH’E’ AUTU LU SULI, STIDDA D’AMUR, I PIRATI A PALERMU,

LA CAMPAGNOLA

 Nello stesso libro vi sono dei saggi su:
 LE FONTI DEL CANTO POPOLARE  - IL CANTO SICILIANO E LA STRUTTURA POETICA - LA STRUTTURA MUSICALE DELLA CANZONE POPOLARE -
 GLI STRUMENTI MUSICALI E LA DANZA

Il libro può essere ordinato scrivendo email a Nicolò La Perna Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   cell: 3393269071
Il libro in formato pdf vi sarà inviato sulla vostra posta elettronica (e-mail)

 

NICUZZA

Sutta la to finestra ci siminasti sciuri ; 
e
doppu cincu misi garofani sbucciaru
tutti bianchi e russi 
comu la to facciuzza
Bedda tu si "Nicuzza« comu li ciuri

Bedda di l'arma mia, la notti cchiù nun dormu;
e
passu
li nuttati fora di casa mia.

L'amuri miu è granni, cchiù granni di lu mari.
Ti
vogghiu maritari,
nun pozzu stari cchiù 

Nicuzza duci!... Nicuzza bedda!... 
dunami, dunami'na vasatedda
Amuri miu!... gioia di l'arma, 
di
lu me cori lu focu carma
Sugnu capaci pi ttia suffriri.
Si tu non m'ami 
è megliu muriri
Siddu pi zitutu scegli a mia, 
iu ti maritu quannu vo' tu.                                                                           

PICCOLINA

Sotto la tua finestra hai seminato fiori ; 

e dopo cinque mesi garofani sbocciarono.   Son tutti bianchi e rossi 
come il tuo bel
viso, 
bella tu sei "Nicuzzacome i fiori tuoi.

Bella del mio sospiro la notte più non dormo;
e
passo tutte le notti fuori di casa mia.
L'amore
mio è grande, più grande del mare.
Ti
voglio sposare,
non posso stare più. 

Piccolina dolce!... 
Piccolina bella!...
donami, donami 
un bacetto.
Amore mio
!...gioia dell'anima,
del mio
cuore il fuoco calma. 
Sono capace 
di soffrire per te. 
Se tu non mi ami 
è meglio morire.
Se per fidanzato 
tu scegli me,
io ti
sposo quando vuoi tu .