GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 123 visitatori e nessun utente online

 

COMU SI LI CUGGHIERU LI BEDDI PIRA

 

Canzone contadina, si parla di alberi di pere, di assenza di scale per salire sugli alberi per raccogliere le pere, di rami che si rompono e fanno cadere il contadino, come pure le sofferenze per le pene d’amore, più ti guardo e più dimagrisco. Il ritornello è una ripicca alla fidanzata perché in modo scherzoso si afferma che non la sposerà e che lei rimarrà zitella.

Questa canzone appartiene alle canzoni di sdegno o di dispetto cantate dall’innamorato quando l’amore è finito o quando per un motivo qualsiasi c’è la divisione tra gli innamorati. Volendo parafrasare nella canzone si mette in mostra il dramma dell’eterno contendere tra l’uomo e la donna, il furto delle pere è il  furto)dell’amore, mentre il ramo spezzato è la perdita della verginità cosa poco gradita ad una donna nubile. Le strofe sono in tonalità Re minore mentre il ritornello è in tonalità Re maggiore.    Versi dodecasillabi con ritornello in settenario

 

 

L'intera partitura per pianoforte, fisarmonica, basso e con accordi per la chitarra fa parte del 1° dei libri "LE PIU' BELLE CANZONI SICILIANE"
In questo libro sono raccolte le partiture ed i testi delle seguenti canzoni siciliane 

VITTI NA CROZZA - CIURI CIURI - LA LUNA NMEZZU U MARI - SI MARITAU ROSA - 
U SCICCAREDDU - NICUZZA - COMU L’UNNA - LA ME ZITA (QUANTA È LARIA LA ME ZITA) - 
COMU SI LI CUGGHIERU LI BEDDI PIRA - LU ‘NGUI, ‘NGUA, MI VOTU E MI RIVOTU, 
A SIMINZINA, CU TI LU DISSI, 
ABBALLATI, ABBALLATI, E VUI DURMITI ANCORA, 
LA VINNIGNA, 
A CURUNA, A VIRRINEDDA, VITTI NA VEDDA – LU BASILICO’ 
TU SI BEDDA AH! CUMMARI NINA, AH! CUMMARI VICENZA, ACIDDUZZU DI ME CUMMARI, 
LA PAMPINA DI L’ALIVU, 
 AVO’, FILASTROCCHE SICILIANE (Chiovi, chiovi, Mani manuzzi, Dumani è duminica, 
LU FOCU DI LA PAGLIA, SANT’AGATA CH’E’ AUTU LU SULI, STIDDA D’AMUR, I PIRATI A PALERMU,

LA CAMPAGNOLA

 Nello stesso libro vi sono dei saggi su:
 LE FONTI DEL CANTO POPOLARE  - IL CANTO SICILIANO E LA STRUTTURA POETICA - LA STRUTTURA MUSICALE DELLA CANZONE POPOLARE -
 GLI STRUMENTI MUSICALI E LA DANZA

Il libro può essere ordinato scrivendo email a Nicolò La Perna Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   cell: 3393269071 costo €: 7,00

 

COMU SI LI CUGGHIERU LI BEDDI PIRA

E comu si li cugghieru li beddi pira
tirollalla tirollallallà
e
comu cci acchianaru senza scala
tiro
tirollallà.

All'acchianari cci appiru la furtuna
tirollalla tirollallalla
allu scinniri si stuccau na rama
tiro
tirollallà.

E nun ti mariti no! e nun ti mariti no
e
nun ti mariti no
schietta
arristari tirollallallà
e cu doti e senza doti, e cu doti e senza doti,
e cu doti e senza doti,
schietta
arristari tirollallà.

Cchiů ti taliu e cchiu addiventu siccu
tirollalla tirollallallà
mi
sentu cu la testa d'intra un saccu
tiro
tirollallà.

Ppi ghiri appressu a tia persi lu sceccu
tirollalla tirollallallà
e ora cu
diavulu accravaccu? tiro tirollalla.                                                        
                

COME HANNO COLTO LE BELLE PERE

E come hanno raccolto le belle pere?

tirollalla tirollallallà
E come 
son saliti senza scala?  
tiro
tirollallà.

Nel salire hanno avuto fortuna

tirollalla tirollallallà
ma scendendo si è spezzato un ramo

tiro tirollallà.
E
non ti sposerai no! e non ti sposerai no!
e non ti sposerai no!
zitella rimarrai
tirollallallà
E con la dote o senza la dote! E con la dote o senza la dote! E con la dote o senza la dote
zitella rimarrai
tirollallallà.
Più io ti guardo e più dimagrisco
tirollalla tirollallallà
mi sento con la testa dentro un sacco
tiro
tirollallà.

Per andarti dietro ho perso l’asino
tirollalla tirollallallà
E adesso
con che diavolo monto? tiro tirollalla.