GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 250 visitatori e nessun utente online

 

QUANTA E' LARIA LA ME ZITA

 

Allegra canzone, scanzonata e piacevole, la cantano gli uomini e le donne ugualmente.
Certamente non è la donna ideale, piena di difetti fisici e psichici, ma proprio per questo piace, fa sorridere e porta allegria. Non ho mai visto una donna che si offende nel cantare questa canzone, anzi in ogni paese vi aggiungono strofe per cui si potrebbe scrivere un libro solo per le strofe inventate per questa canzone come ad esempio: «O
cuncursu di cucina a scangiaru pi mappina» «Al concorso di cucina l’hanno scambiata per strofinaccio» oppure le preghiere ai santi per levasela d’attorno « E iu preiu tutti i santi luatamilla di davanti» «ed io prego tutti io santi levatemela di davanti».
Il verso finale è sempre lo stesso:
giacchè ha i soldi o una buona dote questa fidanzata va bene anche con tutti i suoi difetti, per cui  «Ah bedda è chiù bedda d’idda nun ci n’è»
«Ah bella è più bella di lei non ce n’è»
La tonalità di Do Maggiore favorisce l’allegria, il verso è un ottonario con accenti sulle sillabe 1-5-7

 

 

L'intera partitura per pianoforte, fisarmonica, basso e con accordi per la chitarra fa parte del 1° dei libri "LE PIU' BELLE CANZONI SICILIANE"
In questo libro sono raccolte le partiture ed i testi delle seguenti canzoni siciliane 

VITTI NA CROZZA - CIURI CIURI - LA LUNA NMEZZU U MARI - SI MARITAU ROSA - 
U SCICCAREDDU - NICUZZA - COMU L’UNNA - LA ME ZITA (QUANTA È LARIA LA ME ZITA) - 
COMU SI LI CUGGHIERU LI BEDDI PIRA - LU ‘NGUI, ‘NGUA, MI VOTU E MI RIVOTU, 
A SIMINZINA, CU TI LU DISSI, 
ABBALLATI, ABBALLATI, E VUI DURMITI ANCORA, 
LA VINNIGNA, 
A CURUNA, A VIRRINEDDA, VITTI NA VEDDA – LU BASILICO’ 
TU SI BEDDA AH! CUMMARI NINA, AH! CUMMARI VICENZA, ACIDDUZZU DI ME CUMMARI, 
LA PAMPINA DI L’ALIVU, 
 AVO’, FILASTROCCHE SICILIANE (Chiovi, chiovi, Mani manuzzi, Dumani è duminica, 
LU FOCU DI LA PAGLIA, SANT’AGATA CH’E’ AUTU LU SULI, STIDDA D’AMUR, I PIRATI A PALERMU,

LA CAMPAGNOLA

 Nello stesso libro vi sono dei saggi su:
 LE FONTI DEL CANTO POPOLARE  - IL CANTO SICILIANO E LA STRUTTURA POETICA - LA STRUTTURA MUSICALE DELLA CANZONE POPOLARE -
 GLI STRUMENTI MUSICALI E LA DANZA

Il libro può essere ordinato scrivendo email a Nicolò La Perna Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   cell: 3393269071 costo €: 7,00

 

LA ME ZITA
(
Quantu è laria la me' zita)


Quantu è laria la me' zita,

malanova di la so' vita!

Ahi! laria è, cchiù laria d'idda non ci n'è!
-Havi i capiddi tisi tisi,
ppi spirughiarli ci voli un misi

-Havi l'occhi quantu un purtusu,

unu apertu e l'autru chiusu.

-Havi l'aricchi granni granni,
parunu chiddi d'o liofanni.

-Havi lu nasu ca pari 'n pagghiaru

quannu chiovi mi ci arriparu.

-Havi la facci lintiniusa,
pari na papira cca nirvusa.


-
Havi li denti a rattalora,

unu dintra e l'autru fora.

-Havi li spaddi ca pari na cascia,
una cchiù auta e una cchiù vascia.


-
Havi la panza ca pari na vutti,

quannu camina fa ridiri a tutti.

-Havi li peri a chichiricò,
quannu camina fa si e no.


-
Havi li jammi a cucciddatu,

quannu camina s'abbia di latu.

-Havi la vucca china china,
cu ddi scagghiuni è 'na ruvina.


-
Ma di sordi n'havi assai

ca cummogghiunu li guai.

- Ahi! bedda è!...

chiù bedda d'idda non ci n'è!

                                                                                                                                 

                                                                    

LA MIA FIDANZATA
(E' proprio brutta la mia fidanzata
)


Quanto è brutta la mia fidanzata,

accidenti a lei!

Ahi! brutta è, più brutta di lei non ce !

-Ha i capelli tesi tesi,
per pettinarli ci vuole un mese.


-
Ha gli occhi quanto un buchino,

uno aperto e l'altro chiuso.

-Ha le orecchie grandi grandi,
sembrano quelle dell'elefante.


-
Ha il naso che sembra un pagliaio,

quando piove mi ci riparo.

-Ha la faccia lentigginosa,
sembra una papera nervosa.


-
Ha i denti a grattugia,

uno dentro e l'altro fuori.

-Ha le spalle che sembra una cassa,
una più alta e l'altra più bassa.


-
Ha la pancia che sembra una botte,

quando cammina fa ridere a tutti.

-Ha i piedi a chichiricò,
quando cammina fa si e no.


-
Ha le gambe a buccellato,

quando cammina si butta di lato.

-Ha la bocca piena piena,
con quei molari è una rovina.


-
Ma di soldi ne ha assai

che coprono i guai.

-Ahi! bella è!...

più bella di lei non ce n’è!