GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 90 visitatori e nessun utente online

 

LU 'NGUI E LU 'NGUA

 

Interessante ed antica canzone che prende il nome onomatopeico dal suono emesso dal lattante  «’ngui – ‘ngua». E’ un inno alla paternità, all’amore filiale. La gioia della nascita si somma al fatto che è nato un figlio maschio, che una volta nella cultura contadina era una benedizione perché crescendo poteva aiutare il padre nei campi e così portare benessere a tutta la famiglia, al contrario della figlia femmina alla quale bisognava procurare la dote per maritarla. Bello il paragone tra casa senza bambini e chiesa senza santi, anche la vita di u re sarebbe insipida se non ci fosse un figlio. Tonalità in Re minore. Il verso è  ottonario e settenario.

 

 

L'intera partitura per pianoforte, fisarmonica, basso e con accordi per la chitarra fa parte del 1° dei libri "LE PIU' BELLE CANZONI SICILIANE"
In questo libro sono raccolte le partiture ed i testi delle seguenti canzoni siciliane 

VITTI NA CROZZA - CIURI CIURI - LA LUNA NMEZZU U MARI - SI MARITAU ROSA - 
U SCICCAREDDU - NICUZZA - COMU L’UNNA - LA ME ZITA (QUANTA È LARIA LA ME ZITA) - 
COMU SI LI CUGGHIERU LI BEDDI PIRA - LU ‘NGUI, ‘NGUA, MI VOTU E MI RIVOTU, 
A SIMINZINA, CU TI LU DISSI, 
ABBALLATI, ABBALLATI, E VUI DURMITI ANCORA, 
LA VINNIGNA, 
A CURUNA, A VIRRINEDDA, VITTI NA VEDDA – LU BASILICO’ 
TU SI BEDDA AH! CUMMARI NINA, AH! CUMMARI VICENZA, ACIDDUZZU DI ME CUMMARI, 
LA PAMPINA DI L’ALIVU, 
 AVO’, FILASTROCCHE SICILIANE (Chiovi, chiovi, Mani manuzzi, Dumani è duminica, 
LU FOCU DI LA PAGLIA, SANT’AGATA CH’E’ AUTU LU SULI, STIDDA D’AMUR, I PIRATI A PALERMU,

LA CAMPAGNOLA

 Nello stesso libro vi sono dei saggi su:
 LE FONTI DEL CANTO POPOLARE  - IL CANTO SICILIANO E LA STRUTTURA POETICA - LA STRUTTURA MUSICALE DELLA CANZONE POPOLARE -
 GLI STRUMENTI MUSICALI E LA DANZA

Il libro può essere ordinato scrivendo email a Nicolò La Perna Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   cell: 3393269071 costo €: 7,00

 

LU ‘NGUI E LU ‘NGUA
Chi
masculu, chi masculu
stanotti mi nasciu, 
beddu pari un San Paulu
stu nicareddu miu.
Vinni
pi ralligrarici
la casa a so
papà;
oh! quantu è beddu sentiri
lunguì, lu nguì e lunguà.
2) La casa senza niciuli
è chiesa senza
santi,
passa la vita ‘
nzipita
magari s’è rignanti.
Nun c’è na vuci angelica
ca ti chiama papà.
Nun c’è na donna amabili
nun c’è, lu nguì, lunguà.
3)L’omu nta la vicchiaia
cci
accrisci lu sturtigghiu,
disia magari l’
alitu
d’un
figghiu o d’una figghia.
Mentri iu filicissimu
quannu agghicu a dd’età,
tra
figghi, nori e jennari
c’è
sempri lunguì e lunguà

                                                                                                                                 

                                                                    

LU ‘NGUI E LU ‘NGUA

Che figlio maschio, che figlio maschio
questa notte mi è nato,
bello sembra San Paolo
questo piccolino mio.
E’ venuto per rallegrarci
la casa a suo papà;
oh! quanto è bello sentire

lunguì, lu nguì e lunguà.

2) La casa senza piccoli
è chiesa senza santi,
trascorre la vita insipida
anche se è regnante.

Non c’è la voce angelica
che ti
chioama papà.
Non c’è la donna amabile

nun c’è, lu nguì, lunguà.

3)L’uomo nella vecchiaia
vede accrescere il desiderio,
desidera magari l’alito
di un figlio o d’una figlia.
Mentre io sarò felicissimo
quando arrivo a quell’età,
tra figli, nuore e generi
c’è sempre lunguì e lunguà.