GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 116 visitatori e nessun utente online

 

GIOVANNI CANNATELLA

 

CANZONI

A CRUNA

 

 

A CRUNA
Giovanni Cannatella
LA CORONA

Era un giovane e sembrava mio nonno,
aveva la fede più grande del mondo,
parlava con gli animali, con gli uomini
cantava a tutti la stessa canzone.

E quando lo incontravo per strada
mi sedevo con lui a parlare
e parlava, parlava, parlava
e cantava quella stessa canzone.

Le parole non le ricordo più
ma il ritornello faceva così
laralalarala...

La signora Ramonna cuciva e raccontava
"Quando è tardi chiudi la porta"
vado a coricarmi nel mio letto
con l'immagine della Madonna sopra il petto,
mentre dormo Lei veglia,
se c'è qualcosa che non va, mi risveglia". (1)

Era appoggiato ad una punta di un mobile
aveva la faccia invecchiata,
nelle sue mani strinceva la corona
e nell'aria la stessa canzone

Le parole non le ricordo più
ma il ritornello faceva così
laralalarala...

Scese Dio in persona
per ascolatre quella stessa canzone;
lui gli disse
"non ti seccare dammi una mano
perchè debbo alzarmi"
abbandonò casa e tutto
e se ne andò in paradiso

laralalarala...
Era un giuvini e paria ma nannu,
avia a fedi chiù ranni do munnu,
parrava ca armali, chi chistiani
cantava a tutti a stessa canzuna.

E quannu 'ncuntrava pi strata
m'assittava cu iddu a parrari
e parrava, parrava, parrava,
e cantava da stessa canzuna.

I paroli un ci piensu chiù
ma u riturnellu facia a cussì.
laralalarala...

A gna Ramunna cusia e cuntava
"quannu è tardi chiui a porta"
"mi va curcu 'ndu ma liettu
cu Maria supra u piettu
mentri durmu idda fa a viglia,
si c'è cosa m'arruvigghia",

Era appuiatu o un puntali
avia a facci mangiata d'armali
'nde so mani strinciva a curuna
e nill'aria da stessa a canzuna

I paroli un ci piensu chiù
ma u riturnellu facia a cussì.
larlalalla...

Scinniu Diu in pirsuna
p'ascutari da stessa canzuna;
iddu ci dissi
"un ti siddiari, dammi na manu
ca ma aisari"
si cutulau casa e cammisa
e si nni iu o paradisu.

laralarala...