GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 106 visitatori e nessun utente online

 

GIOVANNI CANNATELLA

 

CANZONI

U POETA

 

 

U POETA
omaggio a Ignazio Buttitta

“Chiddu c’ha diri
u vulissi sunari e cantari
ma haiu a vuci catarrusa,
a chitarra scurdata
Veru iè, mìegghiu cantari mali,
ca cianciri bbùonu.
Chi pùozzu fari…
mi mìettu ne manu du Signuri!”

Quannu iera sulu pinzava cosi tristi
storìi di miserìi e di mùorti ammazzati.
Passiava dda ncapu ne stiddi
cu vintimila picciriddi, (1)
visitava u funnu du mari
ncuntrava a Cola (2) e u scumpunìa.

Su canti di sta Sicilia,
cùoppula e ficudinia
e volanu supra a muntagna,
toccanu u funnu du mari
e volanu, volanu ancora
e toccanu u funnu du mari.

Cantava a natura chi nasci e rinasci
i fatti di Bronti, u trenu du suli. (3)
Avìa l’ali e si misi a vulari
p’un ni scurdari di Cannivali. (4)
A stragi di Purtedda. a mafia,
i baruna, lu banditu Giulianu. (5)

Su canti di sta Sicilia,
cùoppula e ficudinia
e volanu supra a muntagna,
toccanu u funnu du mari
e volanu, volanu ancora
e toccanu u funnu du mari.

S’accanìa, s’azzuffava cu tutti
quannu cuntava,
a chitarra ciancìa
quantu odiu e quantu rancuri.
Na sta terra regna lu veru 'nfìernu
sta chitarra mia perdi na corda o iùornu.

Su canti di sta Sicilia,
cùoppula e ficudinia
e volanu supra a muntagna,
toccanu u funnu du mari
e volanu, volanu ancora
e toccanu u funnu du mari.

1) Vintimila picciliddi poesia di I. Buttitta

2) Cola Pesce e la leggenda di Cola pesce

IL POETA

Quello che voglio dire,
io vorrei cantare e suonare,
ma ho la voce catarrosa,
la chitarra scordata.
Vero è, meglio cantare male
che piangere assai.
Che posso fare...
mi metto nelle mani del Signore.

Quando ero solo, pensavo cose tristi,
storie di miserie e di morti ammazzati.
Passeggiava la, sopra le stelle
con ventimila bambini
visitavo il fondo del mare
incontrava Cola Pesce e parlava con lui.

Sono canti di questa Sicilia,
coppola e ficodindia
e volano sopra la montagna,
toccano il fondo del mare
e volano e volano ancora
e toccano il fondo del cuore.

Cantava la natura che nasce e rinasce
i fatti di Bronte, il treno del sole.
Aveva le ali e si mise a volare
per non dimenticarci di Carnevale.
La strage di Portella della Ginestra, la mafia,
i baroni, il bandito Giuliano.

Sono canti di questa Sicilia,
coppola e ficodindia
e volano sopra la montagna,
toccano il fondo del mare
e volano e volano ancora
e toccano il fondo del cuore.

S'accaniva, s'azzuffava con tutti
quando raccontava storie,
la chitarra piangeva,
quanto odio e quanto rancore.
In questa terra regna il vero inferno
e questa chitarra mia
perde una corda al giorno.

Sono canti di questa Sicilia,
coppola e ficodindia
e volano sopra la montagna,
toccano il fondo del mare
e volano e volano ancora
e toccano il fondo del cuore.

3) Il treno del Sole poesia di I. Buttitta

4) Salvatore Carnevale poesia di I. Buttitta

5) Il bandito Giuliano